Accedi

Ho dimenticato la password




Le nostre pagine Facebook









I nostri Amici e dove votarci



 

 

Visita il sito di Giusygraphic

 

aiutAmici

 

 

 

 

 

 

 





Menu argomenti

Presentazioni

Attualità

Salute

Bellezza

 photo xmas20lines20lines2035_zps5680b6bf.gif

Misteri

Scienza

Leggende

Poesie

 photo xmas20lines20lines2035_zps5680b6bf.gif

Immagini

Mondo libri

Viaggi

Amore

 photo xmas20lines20lines2035_zps5680b6bf.gif

Riflessioni

Animali

Festività

Umorismo

 photo xmas20lines20lines2035_zps5680b6bf.gif

Musica

Cinema

Tv

Siti web

 photo xmas20lines20lines2035_zps5680b6bf.gif

Curiosità

Ricette

Giochi

Collezionismo




Chi è in linea
In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 35 il Sab Ago 31, 2013 4:44 pm
Ultimi argomenti
» Giovedì 9 Gennaio 2014
Sab Gen 11, 2014 1:50 pm Da Khaleesi

» NATALE
Dom Gen 05, 2014 11:55 am Da Zelana

» Solo note..e nulla più
Mar Nov 26, 2013 6:20 pm Da kobra

» GIOCO -- ASSOCIAZIONI DI IDEE
Mar Nov 26, 2013 12:55 pm Da Zelana

» L'angolo della buonanotte!!
Lun Nov 25, 2013 10:25 pm Da Ospite

» Dimmi cosa leggi e ti dirò dove andare: in viaggio con i libri
Sab Nov 23, 2013 10:50 am Da Khaleesi

» 21 novembre
Sab Nov 23, 2013 10:45 am Da Khaleesi

» Cattura la Parola
Lun Nov 18, 2013 10:59 am Da Ospite

» venerdì 8 novembre
Dom Nov 17, 2013 5:28 pm Da Luna

» Buona Domenica
Mar Nov 12, 2013 2:04 pm Da Ospite

Migliori postatori
Khaleesi (1166)
 
Elisewin (677)
 
Zelana (397)
 
Luna (281)
 
Kalika (232)
 
kobra (209)
 
Ninfea (183)
 
meryanne (102)
 
GraphicsBeatrice (45)
 
Sherelwen (40)
 





Le modifiche apportate allo skin di questo forum, i loghi , i top e tutte le rielaborazioni grafiche di EMOZIONINVOLO sono di nostra proprietà sia esternamente (portale ed index) che internamente è vietato prelevare qualsiasi cosa senza il nostro permesso!



Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 2.5 Italia License.

La grafica e'ottimizzata per:



Risoluzione ottimizzata:






Questo forum ha le gif del sito:




CyberStalking, lo Stalking sul web e sui Social Network

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

CyberStalking, lo Stalking sul web e sui Social Network

Messaggio Da Elisewin il Sab Set 07, 2013 11:59 am

(Scritto da: Francesca Ungaro)
Per “Stalking” si intende ogni tipo di minaccia o molestia ripetuta e assillante che produce nella vittima un grave stato di ansia e di paura. Tanto da costringere al cambiamento delle proprie abitudini di vita per ritrovare la libertà. Con la diffusione dei Social Network queste persecuzioni hanno trovato un terreno fertile. Ma sono ancora poche le persone che denunciano la violenza subita, in quanto si tratta di una violenza ambigua e difficile da dimostrare
Con la nascita dei Social Media è cambiato il modo di parlare di sé. Siamo portati a raccontare molto di più i fatti personali e, con la geo-localizzazione, facciamo sapere pubblicamente dove siamo in tempo reale. Il computer, poi, ci trasmette un senso di falsa sicurezza. Lo usiamo da casa o nei luoghi a noi famigliari e anche per questo ci sentiamo protetti. E spesso non ci accorgiamo che le informazioni che condividiamo sulla nostra vita sono l’appiglio migliore per gli attacchi di chiunque sia intenzionato a infastidirci, spiarci o molestarci. Il web, come terreno fertile per curiosare nelle esistenze degli altri, ha diffuso così un reato di cui si parla sempre più spesso, ma a tanti ancora non è ben chiaro cosa sia. Lo Stalking.

“Stalk” in inglese significa “appostarsi, inseguire” e descrive ogni tipo di minaccia o molestia ripetuta e assillante che produce nella vittima un grave stato di ansia e di paura. Una violenza a tutti gli effetti.

Il reato di Stalking è stato introdotto nel nostro Codice Penale recentemente, nel 2009, tra gli Atti Persecutori e viene punito con una reclusione che va dai 6 mesi ai 4 anni, con aggravamenti di pena se il reato viene commesso da un coniuge o da un individuo legato sentimentalmente alla vittima. Nel 55% dei casi, infatti, lo Stalking avviene all’interno di una relazione di coppia.

La gelosia patologica è la molla che spinge al bisogno ossessivo di controllare il partner, un’ossessione che diventa vera e propria persecuzione. Lo Stalker il più delle volte quindi non è un estraneo, ma un conoscente, un amico, un collega, oppure la persona che si è amata, che cerca di ritornare alla precedente relazione o di stabilirne una nuova. Magari che vuole vendicarsi di un torto subito.
E’ una persona che ha seri problemi di interazione sociale, ma generalmente ben dissimulati, e una aggressività che non riesce a gestire: imporre la sua presenza è l’unico linguaggio che conosce per farsi ascoltare.

Gli individui affetti da veri e proprie malattie psichiatriche sono meno comuni tra gli Stalkers. In questo caso, c’è una perdita di contatto con la realtà e il comportamento persecutorio nasce dalla convinzione che esista veramente una relazione sentimentale con la vittima. Il disturbo di personalità borderline è riscontrato in sette su dieci di questi soggetti.

Quando tutto questo avviene attraverso il web si parla di CyberStalking. La Cassazione ha confermato nel 2010 la condanna al carcere fino a 4 anni per chiunque infastidisca o minacci una persona anche attraverso il web. Mail ossessive, video e messaggi personali lanciati attraverso i Social Network non sono meno pericolosi di telefonate assillanti e appostamenti sotto casa.

Lo Stalker difficilmente, infatti, passa all’aggressione fisica, e l’effetto che ottiene via internet è lo stesso che nella vita reale: la vittima viene gettata lentamente ma inesorabilmente in uno stato di terrore ed è costretta a cambiamenti radicali nel proprio stile di vita per riconquistare la sua libertà. Il reparto Analisi Criminologiche dei Carabinieri ha tracciato un identikit dello Stalker, che identifica 5 profili differenti in base ai loro comportamenti e alle dinamiche psicologiche.

La prima tipologia di molestatore è stata definita “il Risentito”. Il suo comportamento è guidato dal desiderio di vendicarsi di un danno o di un torto che ritiene di aver subito, ed è quindi alimentato dalla ricerca di vendetta. Può diventare molto pericoloso, perché il suo rancore gli fa considerare i suoi comportamenti delinquenziali come giustificati. Perseguitare chi secondo lui gli ha fatto del male è un modo per ripristinare un senso di giustizia e, cosa ancora più grave, farlo sentire di nuovo padrone della realtà.

C’è poi il “Bisognoso d’Affetto”, cioè lo Stalker che fa di tutto per convertire quello che è un civile e ordinario rapporto di quotidianità in una relazione amorosa. La sua ossessiva insistenza nasce dalla convinzione che prima o poi l’oggetto delle sue attenzioni capitolerà.

Il “Corteggiatore Incompetente” è il meno dannoso, perché il suo inseguimento è in genere di breve durata. Si tratta per lo più di persone incapaci di avere relazioni soddisfacenti, e che risultano opprimenti e invadenti in modo abbastanza preterintenzionale.

Il “Respinto” è molto più pericoloso: spesso rifiutato realmente dalla vittima, vuole allo stesso tempo riconquistare la sua preda e vendicarsi dell’affronto subito. Oscilla tra i due desideri, manifestando comportamenti estremamente duraturi nel tempo, che non si lasciano intimorire dalle reazioni negative manifestate dalla vittima. La persecuzione che attua rappresenta per lui di per sé una forma di relazione, e in quanto tale egli si sente rassicurato. E’ la perdita totale di un legame che per lui sarebbe percepita come intollerabile.

L’angoscia di abbandono è il tema predominante nella psicologia di questo tipo di Stalker: l’assenza dell’altro è vissuta come una minaccia di annullamento di se stesso.

La tipologia più rischiosa, tuttavia, è la quinta: quella del “Predatore”, il cui obiettivo è di natura essenzialmente sessuale. Sceglie tra le sue vittime persone per lo più indifese, le insegue e le spaventa fino a terrorizzarle. La paura che procura lo eccita, perché gli fa provare un senso di onnipotenza. Tra questi ultimi, vi si trovano spesso voyeur e pedofili.
Ma come ci si può difendere dal terrore psicologico esercitato dagli Stalker?

Lo studio della psicologia può aiutare le persone a evitare certe situazioni, ma la persecuzione messa in atto dagli Stalker è una violenza che molto spesso non si può prevedere. Che va affrontata con armi più potenti di un’analisi dei comportamenti. E’ il primo passo è indubbiamente quello di sensibilizzare la coscienza collettiva.

La maggior parte delle persecuzioni non viene denunciata alle forze dell’ordine. Questo è un fatto reale. Ed è un fatto drammatico. Le violenze non vengono denunciate perché lo Stalking in sé è una pratica ambigua. Difficile da identificare e ancora di più da dimostrare.

E così la vittima si sente angosciata anche dal timore di non poter essere concretamente difesa. Peggio, di non essere creduta. Denunciare il proprio persecutore aumenta, invece, paradossalmente la paura, perché la vittima si sente ancora più esposta. Una violenza sottile, reiterata, non pubblica, difficile da perseguire, e proprio per questo ancora più spaventosa. E’ quell’aurea di ambiguità e di morbosità assieme che rende lo Stalker così potente.
La prima cosa da fare sempre è non negare il problema

Purtroppo il fatto stesso di non volersi considerare “vittima” è un altro deterrente a esporre denuncia. E così si “aiuta” lo Stalker. Riconoscere il problema, informarsi, comprendere i rischi, adottare le precauzioni consigliate sono i primi passi per ostacolare gli atti di molestia. Se la persecuzione consiste nella richiesta di iniziare o ristabilire una relazione indesiderata, è necessario essere fermi nel “dire di no”, in modo molto chiaro ma una volta sola.

Qualsiasi altro sforzo per scoraggiare lo Stalker sarà letto inevitabilmente – e contrariamente a quanto voluto – come una manifestazione d’interesse. E in quanto tale, rafforzerà la persecuzione. E’ importante ricordare che i comportamenti di difesa personale più efficaci sono quelli più prudenti.

Se le molestie avvengono attraverso messaggi su Facebook o su Twitter, ad esempio, è utile non rendere inattivo il proprio profilo. La frustrazione che si creerebbe nello Stalker aumenterebbe la sua violenza. La cosa migliore è creare un profilo alternativo, lasciando che su quello vecchio il molestatore possa continuare a scrivere.

La rabbia e il terrore non aiutano purtroppo chi subisce lo Stalking. E’ necessaria una certa lucidità per raccogliere più dati possibili sulle molestie subite. Qualsiasi mail, messaggio pubblico e privato e tag su foto è una prova della violenza subita e fornisce indizi. La Polizia ne avrà bisogno.
I Social Media sono nostri amici

Li frequentiamo tutti i giorni e, per loro natura, ci permettono relazioni felici proprio perché azzerano le distanze e avvicinano le persone per interessi e gusti comuni. La violenza che le persone subiscono non smette di esistere solo perché i nuovi media hanno trasformato il modo di relazionarci con gli altri. Cambiano i modi, appunto, ma la psicologia umana rimane la stessa.

I delinquenti rimangono quelli, con la stessa loro dinamica per mietere vittime. Neanche a dire che si sono evoluti, questi delinquenti. Hanno solo cambiato “mezzo” per reiterare la loro violenza. Hanno affinato gli strumenti. Oggi, la società si è fatta più attenta.

Non ancora coraggiosa abbastanza da denunciare tutti gli atti di Stalking, ma abbastanza da voler divulgare una coscienza del rispetto. E della difesa personale attraverso forme lecite ed efficaci.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

Io aggiungo: purtroppo prima o poi capita a tutti (o quasi) di imbattersi in personaggi del genere, e all'inizio ci si sente completamente impotenti,di fronte a menti squilibrate che all'apparenza sembrano normali.Ciò che mi consola è che oggi è considerato reato anche il tipo di stalking "virtuale",per l'appunto: non basta più nascondersi dietro l'anonimato di un pc ,cosa tra l'altro degna solo di persone senza palle, che vorrei vedere nella vita reale...squallidi omini o donnette che avrebber paura anche solo di alzare la voce.
Quindi cari personaggini simpatici,credo proprio che abbiate finito di divertirvi.....prendete atto del fatto che siete perseguibili per legge,quindi non scherzate col fuoco che dopo sono cavoli vostri alien 



"Padre Pluche dice che io in realtà dovevo essere una farfalla notturna, ma poi c'è stato un errore, e così son arrivata qui, ma non è esattamente qui che dovevano posarmi, e così adesso è tutto un po' difficile, è normale che tutto mi faccia male, devo avere molta pazienza e aspettare, è una cosa complicata, si capisce, trasformare una farfalla in una donna..."
(A.Baricco)

avatar
Elisewin
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 677
Data d'iscrizione : 06.08.13
Località : Tra le pagine di un libro ^_^

https://www.facebook.com/pages/Silenziosamente-Viaggiare/1144059

Tornare in alto Andare in basso

Re: CyberStalking, lo Stalking sul web e sui Social Network

Messaggio Da Ospite il Sab Set 07, 2013 12:36 pm

Che mondo schifoso! monkey 
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: CyberStalking, lo Stalking sul web e sui Social Network

Messaggio Da Elisewin il Sab Set 07, 2013 12:41 pm

vero...sempre più malato direi,e internet in questo non aiuta,anzi,facilita il compito a questi maniaci



"Padre Pluche dice che io in realtà dovevo essere una farfalla notturna, ma poi c'è stato un errore, e così son arrivata qui, ma non è esattamente qui che dovevano posarmi, e così adesso è tutto un po' difficile, è normale che tutto mi faccia male, devo avere molta pazienza e aspettare, è una cosa complicata, si capisce, trasformare una farfalla in una donna..."
(A.Baricco)

avatar
Elisewin
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 677
Data d'iscrizione : 06.08.13
Località : Tra le pagine di un libro ^_^

https://www.facebook.com/pages/Silenziosamente-Viaggiare/1144059

Tornare in alto Andare in basso

Re: CyberStalking, lo Stalking sul web e sui Social Network

Messaggio Da Ospite il Sab Set 07, 2013 12:43 pm

Elisewin ha scritto:vero...sempre più malato direi,e internet in questo non aiuta,anzi,facilita il compito a questi maniaci
hai ragione!! ci fossero però delle leggi più severe, forse passerebbe la voglia a questi disadattati di andare in giro a far del male!!!
avatar
Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: CyberStalking, lo Stalking sul web e sui Social Network

Messaggio Da Elisewin il Sab Set 07, 2013 12:49 pm

Io penso che qualcosa si stia muovendo,bisogna iniziare a denunciare questi individui,questo è il primo passo..!



"Padre Pluche dice che io in realtà dovevo essere una farfalla notturna, ma poi c'è stato un errore, e così son arrivata qui, ma non è esattamente qui che dovevano posarmi, e così adesso è tutto un po' difficile, è normale che tutto mi faccia male, devo avere molta pazienza e aspettare, è una cosa complicata, si capisce, trasformare una farfalla in una donna..."
(A.Baricco)

avatar
Elisewin
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 677
Data d'iscrizione : 06.08.13
Località : Tra le pagine di un libro ^_^

https://www.facebook.com/pages/Silenziosamente-Viaggiare/1144059

Tornare in alto Andare in basso

Re: CyberStalking, lo Stalking sul web e sui Social Network

Messaggio Da Khaleesi il Sab Set 07, 2013 1:08 pm

Vi quoto!!!

Il problema è che la rete è data a tutti...
Un bel test dell'idoneità alla navigazione con referto psichiatrico allegato , no vero?


Bianca come il latte rossa come il sangue
Alessandro D'avenia
"Ci sono firme e firme. Se ti compri la Fred Perry, i Dockers, le Nike.. quelle sono firme che porti sulle cose e prima o poi le cambi,le butti,le perdi.. Certo ti fanno sentire migliore, ma passano. E poi ci sono altre firme. Quelle che porti sul cuore. Quelle firme ti dicono chi sei veramente e per chi sei veramente. Sul cuore io ho la firma di Beatrice tatuata. Lei è il mio sogno e io esisto per lei.[..]"
avatar
Khaleesi
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 1166
Data d'iscrizione : 06.08.13
Località : Dalla fiamma dei draghi!

Tornare in alto Andare in basso

Re: CyberStalking, lo Stalking sul web e sui Social Network

Messaggio Da Tyrion Lannister il Sab Set 07, 2013 1:42 pm

@Elisewin
oggi è considerato reato anche il tipo di stalking "virtuale",per l'appunto: non basta più nascondersi dietro l'anonimato di un pc ,cosa tra l'altro degna solo di persone senza palle, che vorrei vedere nella vita reale...squallidi omini o donnette che avrebber paura anche solo di alzare la voce.
Come posso esimermi dal quotarti caro moderatore/moderatrice (penso la seconda?). Se non altro abbiamo terminato di essere il fanalino di coda degli stati dove la "realtà allargata" non era considerata alla stregua della vita di tutti i giorni. Uno degli aspetti del mio lavoro consta proprio nel riferire comportamenti anomali nei siti web della compagnia presso la quale sono in forza da diversi anni: ti farà piacere sapere che nessuno resta realmente anonimo ed oggigiorno si è anzi maggiormente tutelati quando si gettano le basi di una denuncia. Tale denuncia, mi permetto di integrare il tuo testo, si può fare in prima istanza online (www.commissariatodips.it) e poi perfezionata presso uno degli uffici preposti e competenti sul territorio. Possono poi passare settimane come mesi, ma qualsiasi offesa recata, o contatto inatteso e non voluto, qualsiasi fastidio perpetrato ai danni di qualsivoglia soggetto, è tranquillamente eleggibile come prova a suffragio del reato (reato che come hai ben detto, viene poi esaminato e "se tutto va bene", per il reo, come minimo multato... sia esso un pischello che si maschera dietro una tastiera, sino agli/alle psicolabili ADULTI che da quando internet è stato sdoganato per il web pullulano). Per cui conservate qualsiasi cosa possa correlarsi all'oggetto della denuncia. Scusami se mi son dilungato, ma operante dal lontano 1996 con le vecchie BBS (fidonet, eccetera) capirai come abbia visto tanta acqua sotto i ponti, e questa legge varata di recente porta davvero una ventata di novità nel panorama, perchè "vittime" a questo punto lo possono esser tutti quelli che si vedono recapitare messaggi offensivi/diffamatori/denigratori/disattesi/minacciosi e quant'altro. Almeno un'arma, vera (contro questi esseri finti), c'è.


"Un Lannister paga sempre i propri debiti."
avatar
Tyrion Lannister
Utente
Utente

Messaggi : 18
Data d'iscrizione : 31.08.13

Tornare in alto Andare in basso

Re: CyberStalking, lo Stalking sul web e sui Social Network

Messaggio Da Elisewin il Sab Set 07, 2013 1:48 pm

grazie Tyron!molto utile ciò che hai scritto, bisogna parlarne di queste cose,perchè la persecuzione sul web sta diventando una piaga sociale (vedi casi di bullismo online che hanno portato adolescenti al suicidio!!)

Comunque sono donna ,confermo!Cool 



"Padre Pluche dice che io in realtà dovevo essere una farfalla notturna, ma poi c'è stato un errore, e così son arrivata qui, ma non è esattamente qui che dovevano posarmi, e così adesso è tutto un po' difficile, è normale che tutto mi faccia male, devo avere molta pazienza e aspettare, è una cosa complicata, si capisce, trasformare una farfalla in una donna..."
(A.Baricco)

avatar
Elisewin
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 677
Data d'iscrizione : 06.08.13
Località : Tra le pagine di un libro ^_^

https://www.facebook.com/pages/Silenziosamente-Viaggiare/1144059

Tornare in alto Andare in basso

Re: CyberStalking, lo Stalking sul web e sui Social Network

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum